Architettura come resistenza all’abbandono

Lorenzo Degli Esposti

Abstract


L’accesso all’urbano da parte dei nuovi cittadini è strumentale ai cicli del capitale ma quest’ultimo non sembra interessato ad occuparsi di tale veloce e drammatico inurbamento. Per quanto riguarda le esigenze della competizione globale, credo che proprio quest’ultima sia in larga parte viziata da visioni distorte dei rapporti umani e della società, per cui in questo caso il disegno della città è spesso asservito a biechi interessi e prospettive a troppo breve termine. Mi sembra interessante cogliere quanto certi problemi posti dalle contemporanee dinamiche urbane possono trovare soluzione più con logiche progettuali legate alla piccola scala. L’architettura è una delle discipline più entusiasmanti, in cui competenze umanistiche e scientifiche ancora riescono a convivere, nonostante l’estrema richiesta di specializzazione dei nostri tempi.

Parole chiave


Insediamenti informali; Rapporti umani; Inurbamento; Consolidamento; Metodo

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2036-1602/5831

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2015 Lorenzo Degli Esposti

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 3.0 Unported.